Scegliete la vostra
sala da pranzo preferita

La Sala del Biliardo

La Sala del Biliardo

La Taverna del Parco

La Taverna del Parco

La Sala del Pozzo

La Sala del Pozzo

Il Fienile

Il Fienile

La Sala di Sant'Antonio

La Sala di Sant'Antonio

La Vineria

La Vineria

La Taverna del Fuoco

La Taverna del Fuoco

La Sala del Biliardo

La prima aggiunta al nucleo originario  venne fatta nel 1850, si trattava di una stalla con relativo fienile posto nella parte superiore. Oggi il caratteristico soffitto a piccoli volti e le tramezze ad arco, la cui soffittatura non ricoperta lascia ancora vedere la sua originale struttura, rendono l'esatta idea di come fosse questa stalla, nella quale sono ancora presenti dei porta-sale alle pareti (che le mucche leccavano), e le scale in ferro (sul fondo della sala a destra) che permettevano l'accesso al fienile superiore.

Ai suoi fianchi: una sala bar molto originale; l'accesso vero e proprio alla parte superiore dove è stato ricavato un servizio a disposizione esclusiva della sala stessa; l'accesso affacciato sul piccolo portico rivolto a sud, verso il fienile e la cucina.


La Sala del Pozzo

Durante un intervento di manutenzione venne scoperto un antico pozzo in pietra sotto il porticato rivolto a sud.

In ottimo stato di conservazione, raccoglie ancora oggi acqua potabile al suo interno; protetto da una spessa lastra calpestabile, esso è ancora visibile.
Ricavata dalla chiusura parziale del porticato, una grande vetrata sull'aia illumina naturalmente questa saletta durante tutto l'arco dell'anno ed un camino scoppiettante ne riscalda l'atmosfera.
Al suo fianco: La Sala S. Antonio, di cui è ben visibile l'originaria parte superiore, un tempo destinata alla raccolta del fieno.


La Sala di Sant'Antonio

IMG_4046.JPG

Nei primi anni del '900, venne aggiunta una stalla, attigua alle quattrocentesche taverne nel versante ovest.

In essa rimangono le tracce di un affresco dedicato a S. Antonio, protettore degli animali dell'aia. Questa sala, sopra la quale è presente un altro fienile le cui scale rimangono ben visibili, venne costruita con materiale di recupero; è ben visibile infatti la sua asimmetria costituita da putrelle in ferro e colonne in pietra a sostegno del solo capitello rimasto.
Ai suoi fianchi: la Taverna del Parco e la Sala del Pozzo.


La Taverna del Fuoco

Questa taverna fa parte del nucleo originario più antico la cui costruzione risale al 1400 c.a.

Nel 1850, la si collegò al versante est per mezzo di una apertura nel fianco (è il passaggio attraverso il quale, dall'ingresso si accede a tutte le sale).
Sul fondo di questa piccola taverna il camino in pietra originale, che viene acceso quando rinfresca e nelle fredde sere invernali, è incorniciato da due piccole finestre. Sul fronte è presente una porta in affaccio sull'aia ed una piccola finestra.
Ai suoi fianchi: una seconda taverna a botte particolarmente ben conservata (La Taverna del Parco) e l'ingresso del ristorante.


La Taverna del Parco

Questa taverna fa parte del nucleo originario più antico la cui costruzione risale al 1400 c.a.

Nei primi anni del '900, venne aggiunta una stalla, attigua alla taverna, nel versante ovest. Un particolare ben visibile è l'intervento di tamponamento in mattoni che è stato eseguito per sostenere la volta a botte dopo avergli praticato la nuova apertura di collegamento alla stalla.
Sul fondo di questa  taverna la porta finestra che da sul parco è incorniciata da due piccole finestre. Sul fronte è presente una grande finestra orizzontale affacciata sull'aia.
Ai suoi fianchi: la prima taverna a botte (La Taverna del Fuoco) e un'ampia sala (La Sala di S. Antonio).


Il Fienile

Nel 1890 c.a. venne aggiunto il grande fienile a sud del corpo principale (costituito dalla Taverna del Fuoco e dalla Taverna del Parco), il cui piano superiore veniva usato per la raccolta del fieno e del grano (La Vineria), ed il piano inferiore per la rimessa dei carri e degli attrezzi agricoli.

Nella parte anteriore una grande vetrata, rivolta a nord, in affaccio all'aia ed all'ingresso della Cascina. Ai suoi fianchi: il panorama ed i vigneti.


La Vineria

E' la parte superiore del fienile che nel 1890 circa venne edificato a sud del corpo principale.

Veniva usato per la raccolta del fieno e del grano sopra la rimessa dei carri e degli attrezzi agricoli. Il ballatoio si affaccia sulla parte inferiore (Il Fienile), e le ampie finestre sono rivolte a sud, verso Solferino.
Una deliziosa terrazza, rivolta a nord, incanta lo sguardo dominando le distese dei vigneti circostanti.