Garda Classico Rosso Superiore Madér

Madér è il nome dialettale del tralcio di vite dalla quale fruttificano i grappoli.

Prodotto dal tradizionale uvaggio composto da Groppello, Sangiovese, Barbera e Marzemino raccolto a mano dalle nostre vigne più vecchie.

Dopo la raccolta e la cernita manuale le uve in cantina vengono pigia-diraspate, la macerazione delle bucce viene svolta in serbatoi di acciaio e solitamente dura tra gli 8 ed i 10 giorni con diversi rimontaggi giornalieri.

Viene normalmente favorita la fermentazione malolattica.

Nei primi mesi invernali il vino viene travasato in barriques di rovere francese di secondo, terzo e quarto passaggio a tostatura leggera dove si affina dai 12 ai 18 mesi a seconda della annata.

Dopo l'assemblaggio si procede all'imbottigliamento, quindi il vino sosta per alcuni mesi in bottiglia prima di essere messo in vendita.

Cliccate sull'immagine della scheda tecnica per visualizzarla e scaricarla

Cliccate sull'immagine della scheda tecnica per visualizzarla e scaricarla

Questo vino si presenta di colore rubino carico, il profumo è di elegante intensità e presenta evidenti note fruttate (confettura di ciliegie, mora) e speziate di pepe nero con sentori di cuoio e cioccolato. Al gusto si presenta morbido, caldo, con una tannicità vellutata ed avvolgente.

Il finale si presenta dolce e persistente, avvolgente e con una chiusura molto pulita e di grande finezza.

Può maturare per oltre 5 anni dalla vendemmia sviluppando profumi di frutta rossa matura, tabacco ed un gusto vellutato e persistente, sempre molto elegante.

Con questo vino cerchiamo di dimostrare che, perché un rosso sia importante e di alta qualità tanto da diventare indimenticabile, non è necessario che sia pesante, troppo concentrato e complesso tanto da diventare noioso.

La prima annata venne prodotta nel 1998. 

È stato più volte segnalato dalle principali guide enologiche, portandolo a raggiungere con costanza i 2 bicchieri sul Gambero Rosso e le 3 bottiglie sulla Guida dell'Espresso. Si è distinto anche sulle guide Veronelli e di Luca Maroni.


Cosa ne dicono le guide dei vini